LA FRQUENZA SETTIMANALE IN ALLENAMENTO

 
Con quale frequenza settimanale possiamo effettuare il nostro allenamento?
Questa pare essere una perplessità comune a molti atleti. Iniziamo con il stabilire che non esiste un "troppe volte" nell'allenamento, ma esisterà piuttosto uno stimolo eccessivo e quindi, in un certo senso, anche un limite quantitativo di stress al quale il nostro organismo non potrà essere ordinariamente esposto. In parole spicce, se questa nostra soglia limite fosse di 50 ipotetici punti alla settimana, ed ogni nostro allenamento ne apportasse 10, allora in tale decorso non dovremmo superare le 5 sedute; se invece ciascun work-out fosse capace di apportarne 20 (dunque sottoscrivendo una maggiore intensità), allora già 3 sedute nell’arco della stessa settimana risulteranno eccessive. Ecco il vero motivo per cui si dovrà innanzitutto distinguere la QUANTITA' con la QUALITA' del work out, elemento che nella fattispecie si troverà in profonda connessione con il fattore INTENSITA'. Quest’ultimo termine, sebbene nell’ambito del bodybuilding venga il più delle volte mal interpretato, saprà racchiudere in se un’enorme insieme di requisiti di rilevante importanza, elementi che nemmeno i più grandi guru sembra sappiano considerare appieno.
Non posso esimermi dal dire che, malgrado molte delle caratteristiche dei work out high intensity si attestino del tutto indispensabili per l’innesco di determinati eventi biologici, non risulterà comunque fisiologico l’impiego di eccessive intensità in seduta; e questo nemmeno a favore di una frequenza d’allenamento più rarefatta. Rifacendomi allo stesso esempio sopra riportato, intendo dire che non sarebbe preferibile un’ “occasionale” seduta da “50 punti”, ma piuttosto un più adeguato equilibrio tra tutte le varianti, quali intensità, volume e frequenza.

Articoli correlati

Allenamento per la massa (ipertrofia)

Il sovrallenamento

Il recupero post work-out


Condividi